Comunicato Stampa: A PROPOSITO DI “COLLABORAZIONE AMICHEVOLE”

28 febbraio 2012 at 14:24 Lascia un commento

27 febbraio 2012 — Le associazioni che promuovono la Campagna per la difesa del Latte Materno dai contaminanti ambientali esprimono la più viva preoccupazione riguardo il Decreto Legge n°5 del 9 febbraio 2012, emanato dall’attuale Governo nell’ambito delle “semplificazioni”. All’articolo 14 intitolato “semplificazioni ambientali” si legge, infatti, che i controlli ambientali devono recare “il minore intralcio” possibile alle imprese e che — addirittura — i controllori devono adeguarsi al principio di “collaborazione amichevole con i soggetti controllati al fine di prevenire rischi e situazioni di irregolarità”.

Riteniamo che i controlli siano controlli e non sia in alcun modo auspicabile alcuna “collaborazione amichevole” tra controllori e controllati.

La situazione nel nostro paese è già gravemente carente per quanto attiene una adeguata tutela ambientale: sono centinaia le discariche a cielo aperto o gli scarichi fognari immessi nell’ambiente senza alcuna depurazione od autorizzazione, per non parlare delle immissioni di attività industriali e produttive per quali sono in corso procedimenti giudiziari. Le norme ambientali in Italia sono spesso contraddittorie e confuse, già ora i controlli scarsi, spesso demandati a strutture inadeguate e carenti per mancanza di mezzi, di personale, di professionalità e spesso avvengono con preavviso.

La nostra preoccupazione è accresciuta dal fatto che già esiste un altro principio legislativo in base al quale l’Ente controllore per eccellenza in ambito ambientale (ARPA) può accettare consulenze a pagamento anche dai soggetti che dovrebbe controllare (ed eventualmente denunciare): è ovvio che in queste condizioni diventa ancor più concreto il rischio che la collaborazione “amichevole” possa talvolta essere intesa come collaborazione a pagamento, dove chi paga si assicura l’amichevole collaborazione del controllore.

L’Italia non ha ancora ratificato la Convenzione di Stoccolma, ben poco sappiamo circa i livelli di diossine presenti nel latte delle mamme italiane, i nostri bambini presentano un rischio di cancro quasi doppio rispetto alla media europea ed i nuovi nati un crollo della speranza di vita in salute, come risulta dai dati eurostat.
Come si può pensare di semplificare ed alleggerire i controlli in questa situazione? Il risultato non potrebbe che essere un ulteriore peggioramento della salute dell’infanzia e questo — per una società che si definisce civile — non è accettabile.

Scarica il comunicato stampa in versione PDF

Advertisements

Entry filed under: Comunicati. Tags: , , .

19 marzo, Conferenza stampa PROGRAMMA DELLA CONFERENZA STAMPA DEL 19 MARZO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Inserisci qui la tua mail per seguire questo blog e ricevere una notifica via mail quando pubblichiamo qualcosa di nuovo.

Segui assieme ad altri 129 follower

Seguici su FaceBook

Informazioni sul nostro libro

LEGGI IL BLOG DI PATRIZIA GENTILINI

Articoli Recenti

Contatti

scrivici a:
difesalattematerno@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: