Comunicato Stampa: A PROPOSITO DI “COLLABORAZIONE AMICHEVOLE”

28 febbraio 2012 at 14:24 Lascia un commento

27 febbraio 2012 — Le associazioni che promuovono la Campagna per la difesa del Latte Materno dai contaminanti ambientali esprimono la più viva preoccupazione riguardo il Decreto Legge n°5 del 9 febbraio 2012, emanato dall’attuale Governo nell’ambito delle “semplificazioni”. All’articolo 14 intitolato “semplificazioni ambientali” si legge, infatti, che i controlli ambientali devono recare “il minore intralcio” possibile alle imprese e che — addirittura — i controllori devono adeguarsi al principio di “collaborazione amichevole con i soggetti controllati al fine di prevenire rischi e situazioni di irregolarità”.

Riteniamo che i controlli siano controlli e non sia in alcun modo auspicabile alcuna “collaborazione amichevole” tra controllori e controllati.

La situazione nel nostro paese è già gravemente carente per quanto attiene una adeguata tutela ambientale: sono centinaia le discariche a cielo aperto o gli scarichi fognari immessi nell’ambiente senza alcuna depurazione od autorizzazione, per non parlare delle immissioni di attività industriali e produttive per quali sono in corso procedimenti giudiziari. Le norme ambientali in Italia sono spesso contraddittorie e confuse, già ora i controlli scarsi, spesso demandati a strutture inadeguate e carenti per mancanza di mezzi, di personale, di professionalità e spesso avvengono con preavviso.

La nostra preoccupazione è accresciuta dal fatto che già esiste un altro principio legislativo in base al quale l’Ente controllore per eccellenza in ambito ambientale (ARPA) può accettare consulenze a pagamento anche dai soggetti che dovrebbe controllare (ed eventualmente denunciare): è ovvio che in queste condizioni diventa ancor più concreto il rischio che la collaborazione “amichevole” possa talvolta essere intesa come collaborazione a pagamento, dove chi paga si assicura l’amichevole collaborazione del controllore.

L’Italia non ha ancora ratificato la Convenzione di Stoccolma, ben poco sappiamo circa i livelli di diossine presenti nel latte delle mamme italiane, i nostri bambini presentano un rischio di cancro quasi doppio rispetto alla media europea ed i nuovi nati un crollo della speranza di vita in salute, come risulta dai dati eurostat.
Come si può pensare di semplificare ed alleggerire i controlli in questa situazione? Il risultato non potrebbe che essere un ulteriore peggioramento della salute dell’infanzia e questo — per una società che si definisce civile — non è accettabile.

Scarica il comunicato stampa in versione PDF

Annunci

Entry filed under: Comunicati. Tags: , , .

19 marzo, Conferenza stampa PROGRAMMA DELLA CONFERENZA STAMPA DEL 19 MARZO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Inserisci qui la tua mail per seguire questo blog e ricevere una notifica via mail quando pubblichiamo qualcosa di nuovo.

Segui assieme ad altri 128 follower

Informazioni sul nostro libro

LEGGI IL BLOG DI PATRIZIA GENTILINI

Articoli Recenti

Contatti

scrivici a:
difesalattematerno@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: